Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi
Home » DAL TERRITORIO » Confcommercio Conegliano » 2013, SI CHIUDE UN ANNO DIFFICILE CON MOLTE OMBRE E POCHE LUCI

2013, SI CHIUDE UN ANNO DIFFICILE CON MOLTE OMBRE E POCHE LUCI

Il 2013 si chiude con segni meno, serrande abbassate e bilanci in rosso: urge un colpo d’ala, una seria politica di incentivazione da parte dell’Amministrazione comunale: “il commercio cittadino, e con esso anche quello dell’intero territorio mandamentale, versa in uno stato di emergenza che chiede non solo attenzione, ma azioni concrete e dirette”.

A ribadirlo è Luca Ros, che con la sua Giunta ed il suo Consiglio da poco rinnovato, si trova a gestire un settore che non è solo “colpito dalla crisi”, ma anche dalla “carenza di una politica locale” in grado di supportare il settore, per lo meno accompagnandolo in singoli progetti di animazione e di rilancio.

“Le nostrconeglianoe imprese”- spiega Ros- “sono allo stremo, sono giunte alla fine dell’8° anno di crisi e, nel territorio, hanno dovuto scontare anche il peso dell’apertura di un centro commerciale periferico (il Conè) che ha sottratto una grossa fetta di clientela a tutta l’imprenditoria esistente, col risultato di impoverire il commercio di un’intera città, di ridurre l’occupazione generale e di non rilanciare i consumi”.

“Manca”- secondo Ros- “quella “rete” che crea sinergie tra categorie economiche, Amministrazione pubblica, mondo del sociale e del volontariato per smuovere una situazione di stallo e di inerzia che sembra amplificare, davanti agli occhi dei consumatori, gli effetti della crisi economica generale e della chiusura delle imprese.

La città appare svuotata, depauperata, con una riduzione di passaggi evidente, stretta nella morsa del caro affitti, del prezzo dei parcheggi (vero deterrente per il pubblico, a pagamento anche al sabato pomeriggio), delle difficoltà di accesso: anche il Natale 2013 è stato affrontato con l’esiguità delle risorse delle singole imprese, che, se da una parte hanno garantito la tenuta delle luminarie acquistate negli anni scorsi, dall’altra hanno messo in evidenza la carenza di una strategia complessiva che difficilmente si riesce ad attivare senza fondi economici.