Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi
Home » ATTIVITA' » AEROPORTO CANOVA: UNO SCALO CHE HA I NUMERI PER COMPETERE

AEROPORTO CANOVA: UNO SCALO CHE HA I NUMERI PER COMPETERE

Unanimi le categorie economiche: è una risorsa da sviluppare, aperto il tavolo di confronto

Ha tutti i numeri per competere nello scenario internazionale, è – secondo il parere di tutte le categorie economiche –  e delle oltre 300 imprese intervistate, una “vera risorsa da sviluppare” , è una struttura a dir poco “strategica” per incentivare il turismo, ma, per poter affrontare uno sviluppo concreto, chiede “un confronto attento e costruttivo tra tutti gli attori, ed una assunzione di responsabilità da parte di ogni soggetto.”. E’ questo uno dei messaggi principali emersi nel corso del convegno organizzato dal Consorzio di Promozione turistica  Marca Treviso e da Confcommercio, con il patrocinio della Provincia di Treviso, svoltosi ieri (oggi) in Auditorium al S. Artemio, che ha presentato la ricerca, condotta da Alessandro Minello, direttore di EconLab e docente a Cà Foscari, che ha misurato per la prima volta gli effetti e le ricadute socio-economiche dello scalo trevigiano in rapporto al contesto locale e provinciale. Con le sue 73 destinazioni, i 2.175.396 passeggeri, ed i 18.359 voli, lo scalo è da considerarsi “un’azienda” che produce 110 milioni di fatturato complessivo e dà lavoro ad oltre 2000 addetti, qualificandosi al 4° posto nel sistema aeroportuale del Nordest ed al 19° posto tra i 38 aeroporti italiani. Richiesto dalle imprese, soprattutto manifatturiere, che chiedono l’ampliamento di nuove destinazioni (soprattutto verso l’area Balcanica), vede un’utenza in maggioranza giovane, al di sotto dei 35 anni, e consente- ha spiegato Minello– “il consolidamento di un nuovo segmento, quello “sociale”, che va ad aggiungersi al business ed al leisure per comprendere tutti i viaggi determinati da esigenze famigliari, cure mediche, eventi sportivi,  garantendo ai viaggiatori un risparmio significativo rispetto ad altre tipologie di mobilità e soprattutto sulle destinazioni internazionali”. “Nell’insieme”- ha affermato Gianni Garatti, presidente del Consorzio Marca Treviso- “l’aeroporto, non va inteso solo come un’opportunità per il turismo trevigiano che ha un margine di miglioramento che sfiora il 70% (in termini di posti letto da occupare), ma come una vetrina per l’intero territorio, che grazie allo scalo può contare su un biglietto di presentazione per il mondo intero.” “I numeri espressi”- ha spiegato il presidente di Confcommercio Renato Salvadori– “parlano chiaro: se da una parte ci presentano una struttura con una indiscutibile ed ottima valenza economica, dall’altra ci fanno capire che la strada da percorrere, per raggiungere uno sviluppo equilibrato e sostenibile, non può che passare attraverso le sinergie tra categorie economiche, cittadini ed Amministrazioni, in un’ottica che supera i localismi e guarda al futuro cercando di riempire non solo quel 70% di posti letto che mancano al consolidamento del turismo di Marca, ma creando anche nuove opportunità di collegamento con le zone limitrofe, basta pensare alle spiagge o alle Dolomiti.” Sostenibilità, confronto, futuro, assunzione di responsabilità, sono questi i termini più ricorrenti espressi nella tavola rotonda del convegno, alla quale hanno partecipato tutti gli attori coinvolti: Enrico Marchi, presidente di Save, Leonardo Muraro, presidente della Provincia, Giovanni Manildo, Sindaco di Treviso, Mario Pozza, vicepresidente della Camera di Commercio, Giovanni Manildo sindaco di Treviso e Mauro Dal Zilio, sindaco di Quinto. Due le idee concrete messe in campo, sulle quali tutti hanno manifestato condivisione ed impegno: l’avvio di un tavolo tecnico di confronto e di un gruppo di lavoro per approfondire tutti gli aspetti, compreso quello della sostenibilità e dell’impatto ambientale, e la stesura di un protocollo di intesa come “strumento operativo” con la volontà di conciliare gli interessi di tutti per portare ricchezza e sviluppo ad un’area, quale è quella trevigiana, che merita di competere ad armi pari con le aree più evolute d’Europa e del mondo.

Consulta le slides della ricerca: “gli effetti socio -economici  dell’aeroporto Canova sul contesto locale”: Effetti Aeroporto Canova_final

Consulta l’abstract della ricerca: Abstract_Effetti_Canova, Consulta l’intervento del Consorzio Marca Treviso sul turismo provinciale: Il turismo trevigiano nelle dinamiche generate dal Treviso