Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi
Home » ATTIVITA' » CAMBIO DELLA GUARDIA A MOGLIANO: CESTARO SUBENTRA A SANDRI

CAMBIO DELLA GUARDIA A MOGLIANO: CESTARO SUBENTRA A SANDRI

L’assemblea di ieri sera ha eletto il nuovo presidente, Sandri lascia dopo decenni di impegno e  vita associativa

Cambio della guardia e passaggio di consegne in casa Ascom a Mogliano. Nel corso dell’assemblea di ieri sera (giovedi 28), svoltasi nella sede di via Tavoni, Massimo Cestaro, florovivaista con due negozi a Mogliano, è stato eletto presidente e subentra così a Domenico Sandri, che dopo un mandato di presidenza e ben quattro decenni di militanza in Associazione, lascia “per problemi famigliari e troppi impegni lavorativi, che non gli consentivano più di seguire l’associazione”.

Ad aiutare il nuovo presidente per i prossimi cinque anni contribuirà un Consiglio di 10 consiglieri e 2 delegati, rappresentativi dei vari settori economici. Tre gli obiettivi principali per il prossimo mandato, che il neo presidente cercherà di raggiungere contando sulla collaborazione di tutti: “favorire una migliore viabilità con collegamenti tra centro, periferia e frazioni limitrofe, avviare un parternariato tra Associazioni , imprese ed Ente pubblico per rivitalizzare il centro storico, sviluppare collaborazioni e sinergie con l’ Amministrazione per avviare nuove progettualità”.

Il passaggio di consegne è avvenuto nel segno della continuità  e riconoscenza, espressa al presidente uscente Domenico Sandri che ha lasciato la carica di presidente per “impegni lavorativi e famigliari” ma con l’idea di restare nella vita associativa per mettere a disposizione del territorio e delle imprese tutta la sua esperienza, maturata in decenni di impegno sia nel mandamento che nel gruppo sindacale dei commercianti di prodotti per l’agricoltura, di cui è socio fondatore. Cestaro, classe ’63, ha sempre partecipato alla vita associativa ed ha un’esperienza imprenditoriale ampia che gli consente di rappresentare al meglio la categoria.