Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi
Home » MONDO DEL LAVORO » Circolari » COME TRASFORMARE IL CONTRATTO DI APPRENDISTATO: TUTTI I CHIARIMENTI

COME TRASFORMARE IL CONTRATTO DI APPRENDISTATO: TUTTI I CHIARIMENTI

Trasformazione apprendistato di 1° livello in apprendistato professionalizzante – contribuzione Inps per aziende con un numero di addetti pari o inferiore a 9

Lo scorso 10 aprile l’INPS ha fornito chiarimenti in merito alla contribuzione previdenziale dovuta in relazione alla trasformazione del contratto di apprendistato di 1° livello in contratto di apprendistato professionalizzante da parte di aziende che occupano non più di 9 dipendenti.
La normativa prevede la possibilità di trasformare, una volta conseguita la qualifica o il diploma, il contratto di apprendistato di 1° livello, ossia quello finalizzato all’ottenimento per l’appunto della qualifica e del diploma professionale, del diploma di istruzione secondaria superiore e del certificato di specializzazione tecnica superiore, in contratto di apprendistato professionalizzante per la qualificazione professionale prevista dal contratto collettivo.
La durata complessiva dei due percorsi formativi non può, tuttavia, eccedere quella individuata dalla contrattazione che, di norma, è pari a 36 mesi.
Il contratto di apprendistato, come noto, beneficia di una contribuzione INPS agevolata nelle misura del 10% (alla quale si aggiungono le aliquote dell’1,31% di finanziamento della NASpI e dello 0,30% di finanziamento dei fondi interprofessionali, per un totale dell’1,61%), che si estende anche all’eventuale annualità successiva alla “stabilizzazione” del rapporto per conferma dell’apprendista.
La Legge n. 296/2006 ha previsto, in favore dei datori di lavoro che occupano un numero di addetti pari o inferiore a nove, un’ulteriore riduzione contributiva in relazione alle nuove assunzioni con contratto di apprendistato, ossia l’applicazione di un’aliquota pari all’1,5% (+1,61%) per il primo anno di rapporto, al 3% (+ 1,61%) per il secondo anno e al 10% (+1,61%) a partire dal terzo anno. In riferimento al contratto di apprendistato di 1° livello, inoltre, il D.Lgs. n. 150/2015 ha previsto l’applicazione dell’aliquota del 5% (+1,61%), in luogo del 10%, a partire dal terzo anno.
L’INPS, come sopra anticipato, è intervenuto a chiarire quale sia la corretta contribuzione da applicare al rapporto di apprendistato professionalizzante, nel caso in cui si tratti di trasformazione di un rapporto precedentemente originatosi come apprendistato di 1° livello.
L’Istituto chiarisce che, trattandosi di trasformazione e non di costituzione di un nuovo rapporto, non si applicano le riduzioni previste dal L. n. 296/2006 per le aziende con addetti in numero pari o inferiore a 9, bensì l’ordinaria aliquota contributiva prevista in riferimento al contratto di apprendistato e pari al 10% (+1,61%).

Informazioni e consulenza
Per informazioni e consulenza rimangono a disposizione gli uffici sindacali Unascom (rif. Dr. Diego Morao – tel. 0422.592329 e Dr.ssa Elena Langero – tel. 0422.592331)