Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi
Home » ATTIVITA' » DIGITAGLIANDO: SUCCESSO DELLA PRIMA TAPPA A TREVISO

DIGITAGLIANDO: SUCCESSO DELLA PRIMA TAPPA A TREVISO

Rispetto alla media veneta nella Provincia di Treviso cresce l’utilizzo dei social network. Confermato il dato regionale invece per quanto riguarda il ritardo nell’ecommerce, utilizzato soltanto da 1 impresa su 5

Treviso, 14/04/2015 – Un tagliando digitale, un check up completo ed efficace per misurare il livello di digitalizzazione del mondo del Terziario Mercato. Uno strumento indispensabile oggi per le imprese italiane sui temi della comunicazione, del digitale, dell’online, dell’Ict e dell’utilizzo consapevole dei social network.

E’ questo il progetto DIGITAGLIANDO, la grande iniziativa di alfabetizzazione digitale a 360° delle imprese promossa da: Fondazione Comunica, Regione Veneto e Unioncamere Veneto in collaborazione con Confcommercio, (e con la partnership di IBC, MenoCarta.net ed Intesa Sanpaolo / Cassa di Risparmio del Veneto) ha organizzato ieri, presso la sede di Ascom Treviso, la prima tappa del road show che intende coinvolgere più di 50.000 imprese venete.

Alla tavola rotonda sono intervenuti anche Marialuisa Coppola, Assessore Regionale all’Economia e Sviluppo, Ricerca e Innovazione; Eugenio Gattolin, Segretario di ConfCommercio Veneto, Valentina Cremona, dirigente Confcommercio Treviso, Francesco Sacco, Managing Director Centro di Ricerca EntER sull’imprenditorialità Università Bocconi (Mi), Luca Giuman, Curatore Scientifico Digitagliando; Alex Kornfeind, MIB School of Management. Ha moderato l’incontro Paolo Piacenza.

A Treviso- ha spiegato VALENTINA CREMONA- dirigente di Confcommercio Treviso intervenuta alla presentazione di ieri- sono quasi 200 le piccole imprese del territorio che hanno compilato il digitagliando (ovvero un questionario) manifestando l’interesse ad accedere al piano formativo previsto dal progetto regionale e ad approfondire le opportunità offerte dai social. Sta emergendo una grande apertura su frontiera, dove la formazione adeguata può fare la differenza”.

EUGENIO GATTOLIN, Segretario Generale Confcommercio Veneto ha confermato come: «Il tema dell’innovazione coinvolge tutto il sistema terziario. Per questo il nostro impegno è quello di favorire processi che spingano l’impresa ad attivare nuove modalità di comunicazione, promozione e vendita. L’obiettivo che ci siamo prefissi, con il coinvolgimento della Fondazione Comunica, è quello di far crescere le imprese del commercio, del turismo e dei servizi adeguandole alle nuove opportunità offerte dal digitale».

MARIA LUISA COPPOLA, Assessore Regionale allo Sviluppo Economico, Ricerca e Innovazione: «Anche per le imprese del commercio, del turismo e dei servizi il processo di diffusione delle nuove tecnologie può diventare un valore aggiunto e le istituzioni hanno il compito di aiutare a far propri nuovi modelli di business. L’innovazione tecnologica è infatti uno degli assi portanti della nuova programmazione europea. Occorre favorire un nuovo approccio imprenditoriale a questa materia e sfruttare fino in fondo tutte le opportunità per favorire sia un modo nuovo di fare impresa, sia le occasioni di occupazione per i giovani che su queste tematiche hanno una sensibilità diversa e più aperta. Innovare – ha concluso l’assessore – è una sfida che non riguarda peraltro solo il sistema economico veneto ma anche la pubblica amministrazione ed è una strada che intendiamo fare insieme per essere in grado di dare risposte puntuali alle esigenze del mondo dell’imprese e del territorio».

Ecco, in sintesi, cosa emerge dalla prima fase del progetto:

BENE I PAGAMENTI, PRESENZA E PROMOZIONE POSSONO MIGLIORARE

GIANNI POTTI, Presidente Fondazione Comunica: «Continua l’opera di alfabetizzazione delle imprese: ora è il momento di fare il check up completo dello stato di salute digitale del mondo del Terziario di Mercato che anche a Treviso ha risposto in maniera molto entusiastica all’iniziativa, con quasi 200 risposte a poco più di una settimana dal via».

Presenza (presence), Pagamenti (payment) e Promozione (promotions) sono le tre macro-aree aree che vengono analizzate e misurate, in modo da fornire poi alle singole imprese un insieme coerente di misure di performance, facilitandone la misurabilità.

La “P” di “Presenza” misura se e quanto l’impresa è presente in rete con un sito internet o nei social network, e se e come utilizza gli strumenti digitali per il suo lavoro, come ad esempio la mail.
La “P” di “Pagamenti” si riferisce invece a tutti i sistemi di pagamento digitale, dall’utilizzo dell’home banking al servizio di pagamento con Bancomat o Carta di Credito offerto ai clienti.
L’ultima “P”, quella di “Promozione”, valuta infine come le imprese utilizzano la rete e i sistemi digitali per promuovere il loro marchio e il loro lavoro.

Per quanto riguarda la Provincia di Treviso emerge una tendenza precisa: buono l’utilizzo dei sistemi digitali per quanto riguarda i Pagamenti, dato che conferma la tendenza regionale, mentre per quanto riguarda la Presenza e la Promozione c’è un buon margine di miglioramento.

«Da un punto di vista generale la Provincia di Treviso è un po’ più in ritardo rispetto alla media veneta per quanto riguarda la Presenza – dichiara LUCA GIUMAN, Curatore Scientifico del Progetto Digitagliando -, mentre emerge un vero e proprio “amore” per i Social Network, dato che il numero di imprese presenti sui social è addirittura maggiore rispetto a quelle che hanno un sito internet».

Per quanto riguarda l’utilizzo della posta elettronica per gestire gli ordini il dato della Provincia di Treviso è inferiore rispetto alla media regionale, così dai Digitagliando compilati emerge che Treviso è un po’ meno pronta rispetto alle altre province nell’utilizzo della Posta Certificata.

Semplificando, se volessimo parlare in termini di “Pagella Digitale”, potremmo dire che il Terziario di Mercato Veneto è ampiamente promosso per quanto riguarda le aree del “Fare”, mentre è rimandato a settembre sul fronte del “Conoscere” e del “Farsi Conoscere”.

Per informazioni ed approfondimenti: ufficio formazione Confcommercio, tel. 0422 5706