Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi
Home » ATTIVITA' » EBICOM (ENTE BILATERALE) NUOVO PRESIDENTE E NUOVO CORSO

EBICOM (ENTE BILATERALE) NUOVO PRESIDENTE E NUOVO CORSO

Massimo Marchetti nuovo presidente fino al 2020, Mario Piovesan resta vicepresidente

Nuovo consiglio e nuovo presidente per l’Ente Bilaterale del terziario della Provincia di Treviso, che operando con successo da oltre 20 anni per la crescita delle imprese ed il supporto dei lavoratori, ha dimostrato di essere, nel territorio, una cabina di regia fondamentale per lo sviluppo dei contratti territoriali e l’ampliamento del welfare aziendale.
L’assemblea dei giorni scorsi ha eletto come presidente Massimo Marchetti (in foto), 50 anni, responsabile del settore commercio e terziario della UILTUcs di Treviso e Belluno, che subentra a Mario Piovesan, della FISASCAT, che resta come vicepresidente.
Il nuovo Consiglio Direttivo, composto da 6 membri, rappresenta pariteticamente imprese e lavoratori. In rappresentanza di Unascom-Confcommercio sono stati eletti:
PIOVESAN MARIO: Vice Presidente
MILANESE PIETRO
ZANCHETTA RICCARDO
In rappresentanza delle Organizzazioni sindacali dei lavoratori, sono stati eletti:
MARCHETTI MASSIMO: Presidente
DORELLA EDOARDO
CARNIATO NADIA
“Sussidiarietà, welfare contrattuale, formazione e conciliazione per le vertenze: sono questi i quattro ambiti nei quali potenzieremo lavoro ed iniziative nel nuovo mandato- assicura Massimo Marchetti- con l’obiettivo di favorire l’occupazione, far evolvere la contrattualistica aziendale, alleggerire le imprese da oneri burocratici, sfoltire i contenziosi, offrire occasioni di formazione e supportare i lavoratori con sussidi utili alla vita quotidiana e famigliare”.
Il sistema bilaterale, che opera per il terziario a pieno ritmo da oltre 20 anni, è uno dei fiori all’occhiello dell’economia provinciale, che può, a buon diritto, contare su un punto di riferimento sicuro, frutto di solide relazioni sindacali in grado di produrre idee, contratti e strumenti utili che, in particolare negli ultimi 8 anni, hanno consentito alle piccole e medie imprese del terziario di affrontare la crisi con qualche aiuto in più.