Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi
Home » ATTIVITA' » FEDERALBERGHI TREVISO: PASSAGGIO DEL TESTIMONE E CAMBIO DEL PRESIDENTE

FEDERALBERGHI TREVISO: PASSAGGIO DEL TESTIMONE E CAMBIO DEL PRESIDENTE

Dopo due mandati, Federico Capraro (Canon d’Oro Conegliano) conclude e subentra Giovanni Cher (Villa Fiorita Monastier)

Cambio di presidenza per il Gruppo trevigiano di Federalberghi che, con l’assemblea di ieri, conclude il mandato. Alla carica di presidente è stato eletto Giovanni Cher, che subentra a Federico Capraro che, pur restando in Consiglio, ricopre ora la carica di vicepresidente regionale degli albergatori e di vicepresidente di Confcommercio Treviso.
Cher, per il prossimo mandato, sarà affiancato da un consiglio che vede eletti rappresentanti di tutta la provincia: Giorgia Grava (Ai Cadelach di Revine Lago) Valentina Zanon (Alla Torre di Castelfranco), Thomas Scalco (Villa Marcello a Mogliano), Ettore Pizzolato (Al Gallo di Oderzo), Giamaica Fraccaro (San Giacomo di Paderno del Grappa), Silvia De Checchi (Albergo Al Sole di Asolo), Giovanni Simonetto (Titian Inn di Silea), Renzo Barcè (Maggior Consiglio di Treviso). Restano, come “cooptati” e membri di diritto: Federico Capraro past president, Gianni Garatti, presidente del Consorzio Marca Treviso ed Aertre, Paolo Nichele, Hotel Mezzaluna (rappresentante delle piccole strutture ricettive).
Un cambio della guardia avvenuto nel segno della riconoscenza, espressa da tutti i colleghi per Federico Capraro per il prezioso lavoro svolto alla guida del gruppo per ben due mandati, da sempre in prima linea per l’ampliamento dell’offerta turistica del territorio e per lo sviluppo di una categoria strategica per l’economia provinciale.
“Tre” – secondo il neo presidente Giovanni Cher- “sono le parole chiave che contraddistingueranno l’attività degli albergatori nei prossimi anni: formazione, sinergie, innovazione.
“La formazione”- ha spiegato Cher– “si svilupperà attorno a temi ancora poco conosciuti ma fondamentali per il futuro del comparto, come ad esempio la brand reputation ed il marketing on line; le sinergie andranno ulteriormente sviluppate facendo rete con il Consorzio Marca Treviso e tutto il sistema provinciale per innalzare e diversificare le offerte, favorire un maggior collegamento con altri settori dell’economia e lo scambio con gli eventi e le grandi mostre in programma, l’innovazione sarà invece soprattutto nell’approccio pragmatico che contraddistinguerà l’attività del gruppo, fortemente motivato a conoscere nuovi strumenti e d a partecipare ai bandi europei per intercettare risorse e finanziamenti in grado di aprire nuovi scenari per le imprese turistiche della Marca trevigiana