Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi
Home » ATTIVITA' » IDEE PER RILANCIARE CITTA’ E TERRITORI

IDEE PER RILANCIARE CITTA’ E TERRITORI

PARTE DA CONFCOMMERCIO L’APPELLO ALLA REGIONE, AI COMUNI, AI PROPRIETARI IMMOBILIARI

Il presidente di Confcommercio Salvadori chiede disponibilità ai proprietari immobiliari
Se Treviso fa i conti con le vetrine sfitte, con “triangoli degradati” (via Ortazzo, via Manin, vicolo Rialto ad esempio) del centro e, nonostante gli sforzi del parternariato e dei bandi ancora non riesce ad imboccare un cambio di rotta, non sono da meno i centri storici ed urbani vicini. Da Conegliano, a Castelfranco, Oderzo, Vittorio Veneto e Montebelluna: ognuno con le sue specificità, tutti hanno a che fare con la crisi del centro. “Una crisi che”- secondo il presidente di Confcommercio Renato Salvadori- “è strettamente legata alla sopravvivenza del terziario, ovvero delle attività commerciali, turistiche e di servizio.
“Tutti i Sindaci e la Regione in primis”- afferma Salvadori- “devono contribuire a stoppare l’agonia del commercio se vogliono salvare le loro e le nostre città, ponendo rimedio ad una serie infinita di offese al territorio ed al buon senso autorizzate fino ad ora. “Perché”- prosegue Salvadori- “se è vero che le città non sono dei commercianti, è altrettanto vero che le città senza terziario non possono vivere.”
Cinque i punti che Salvadori pone sul tavolo, chiamando in causa anche i proprietari degli immobili e la stessa Associazione che “può contribuire concretamente a riposizionare le start up in settori con possibilità di successo”. Eccoli:
– sottoscrivere una “carta di valorizzazione” dei territori che parta non più dal singolo comune, ma dal mandamento (o comprensorio), per pensare ad una politica di territorio omogenea e non circoscritta;
– siglare accordi territoriali che consentano di condividere la ricaduta economica e turistica dei singoli eventi;
– prevedere, per ogni grande insediamento commerciale o direzionale esterno, l’assunzione diretta dei costi economici di animazione necessari per mantenere la riqualificazione del centro storico (l’esempio di Treviso valga per tutti);
– organizzare, da una parte corsie burocratiche preferenziali per chi investe in attività nei centri storici, dall’altra detassazione totale per chi mantiene l’attività in centro e recupera aree dismesse o degradate;
– recuperare risorse dai fondi europei attraverso una progettazione qualificata che metta a “sistema” le numerose peculiarità storiche e naturali della provincia (dai borghi storici alle ville) per facilitarne il posizionamento verso tour operator e partner europei;
Questo per quanto riguarda Enti pubblici ed Associazioni, ma gli stessi proprietari immobiliari, soprattutto di locali con destinazione commerciale, devono- conclude Salvadori- “fare la loro parte, ridimensionando gli affitti in maniera coerente con il particolare momento economico, e rendersi anche facilmente identificabili se gli immobili, nonostante gli sforzi, dovessero rimanere sfitti”.