Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi
Home » ATTIVITA' » IL TRIBUTO DELL’ASSOCIAZIONE ALLA GENERAZIONE DEL GRANDE COMMERCIO TREVIGIANO

IL TRIBUTO DELL’ASSOCIAZIONE ALLA GENERAZIONE DEL GRANDE COMMERCIO TREVIGIANO

Grandi perdite per il commercio trevigiano, alcune dettate da premature scomparse, altre per scelte economiche o dovute al mercato
Ecco il tributo dell’Associazione:
Esempio di professionalità, testimone di una passione autentica, lungimirante imprenditore, tenace presidente della categoria ortofrutta di Confcommercio Treviso. A parlare è Piero Tedesco, direttore dell’Associazione di cui PierLuigi Piazza è stato per diversi anni presidente del gruppo ortofrutta, ora presieduto dal successore Renzo Ghedin. Entrambi accolgono l’annuncio della chiusura dell’attività di Piazza come una “grande perdita per il commercio trevigiano”. “Piazza”- spiegano i vertici della Confcommercio- “è stato un presidente molto attivo che ha dato molto alla categoria ed ha saputo innovare, anticipando di anni le tendenze che oggi sono regole assodate del commercio moderno. Ha trovato nuove metodologie espositive della merce diventando, di fatto, un precursore antelitteram del visual food, oggi considerata una delle più potenti leve di vendita”.
Cordoglio anche per la scomparsa di Francesco Vasconetto, una delle dinastie più emblematiche del commercio trevigiano, “un simbolo della positività del commercio di vicinato, dell’indispensabile servizio sottocasa, della cortesia resa alla città intera. Una vetrina che è fortunatamente ancora oggi, parte integrante della storia e realtà cittadina”.
La riconoscenza di Ascom-Confcommercio va a Pierluigi Piazza, ma anche a tutti quegli esponenti illustri del grande commercio trevigiano che, o per motivi di età, o per motivi economici, dopo una vita dietro al banco del negozio se ne vanno, lasciando il posto alle catene di franchising e della distribuzione moderna. Da Pignatto, a Danesin (appena scomparso), a Garbelotto, Cecconato, Turi, Giraldo, Bottegal, solo per citarne alcuni: esempi di alta professionalità del commercio, tutti grandi protagonisti dell’Associazione che, insieme a loro, ha vissuto le rivoluzioni sociali, le trasformazioni economiche, i cambiamenti del mercato degli ultimi cinquant’anni.
La “generazione” del “grande” commercio ha contribuito a crescita, occupazione, qualità della vita, coesione sociale dimostrando non solo impegno associativo, ma anche un forte spirito civico, con un attaccamento sincero ai luoghi ed alle vie della città.