Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi
Home » PROGETTI IN CORSO » Centri Storici » LA FILATELIA TREVISANA AL TOP NAZIONALE

LA FILATELIA TREVISANA AL TOP NAZIONALE

LA FILATELIA TREVISANA DI VIA ORIOLI (ZONA VIA ROMA) AL TOP NAZIONALE

La storica Filatelia Trevisana di via Orioli resiste con successo da 45 anni ed ha ottenuto riconoscimenti nazionali

Resiste dal 1969 e miete successi la storica Filatelia trevisana di via Orioli (laterale via Roma) dei coniugi Prestianni, che con la recente mostra all’Archivio di Stato, ha mosso l’interesse degli appassionati da ogni parte d’Italia. A raccontarlo è Bianca Prestianni, imprenditrice illuminata alla quale la più prestigiosa rivista del settore, “l’Arte del francobollo”. dedica una doppia pagina di intervista, ritenendola una delle realtà nazionali più specializzate ed interessanti.
“Potrei andare in pensione”- afferma Bianca Prestianni-“ ma la passione per questo lavoro e per la città mi spinge ad andare avanti. Anche nel collezionismo la crisi si sente, ma per chi riesce a lavorare con competenza, passione e spirito di innovazione il successo non manca. Dopo 45 anni di attività io e mio marito abbiamo visto il mercato cambiare, stiamo assistendo all’evoluzione dei tempi e della città, ma siamo riusciti ad adeguarci ed a cogliere il cambiamento, attirando anche la clientela più giovane. La filatelia è storia, cultura, creatività, dinamismo, lascia molta libertà di inventare e di fare proposte. Non ci si stanca mai.”
“Nel cassetto ho ancora tante idee”- afferma Bianca Prestianni- “e la recente mostra all’Archivio di Stato, luogo che ancora pochi trevigiani conoscono e che meriterebbe molta più notorietà, ci ha dato la conferma che la strada da seguire è una sola: bisogna darsi da fare e organizzare eventi di qualità.”
Sugli eventi di rivitalizzazione e rilancio i coniugi Prestianni non hanno infatti mai fatto mancare la collaborazione e la disponibilità, operando in sinergia con l’Ascom-Confcommercio e le altre Associazioni cittadine.
“Via Orioli, via Roma e la zona circostante”- afferma Bianca Prestianni-“ nonostante la crisi del commercio e della città, non è più il bronx di qualche anno fa. Noi, insieme ad altre storiche ed importanti attività della zona, ci diamo da fare costantemente per monitorare tutti i fenomeni di microcriminalità e restare in costante contatto con le forze dell’Ordine, gli episodi si sono ridotti molto. Certo, i problemi non mancano, le vetrine vuote ci sono anche qui, ma sono convinta che se Treviso riuscirà a riavviare un corretto progetto di pedonalizzazione e di rilancio culturale, si risveglierebbe l’interesse degli investitori e dei marchi commercialmente più interessanti. Siamo vicini alla stazione, ci sono alberghi e pubblici esercizi, non mancherebbe nulla.”
Così mentre Treviso saluta il tempio del tiramisù e piange le molte vetrine che chiudono o che si spostano, può essere orgogliosa di annoverare una Filatelia considerata al top nazionale, punto di riferimento per eserciti di collezionisti che giungono da varie zone della provincia e dell’Italia.