Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi
Home » ATTIVITA' » LAVORATORI DELLO SPETTACOLO: TUTTI I CHIARIMENTI DELL’INPS PER LE PRESTAZIONI DI LAVORO AUTONOMO

LAVORATORI DELLO SPETTACOLO: TUTTI I CHIARIMENTI DELL’INPS PER LE PRESTAZIONI DI LAVORO AUTONOMO

Certificato di agibilità per le imprese che utilizzano le prestazioni di lavoratori dello spettacolo

Con la nota n. 1612 del 19 aprile 2019, l’INPS ha fornito i necessari chiarimenti in merito alle novità introdotte dalla L. n. 205 del 2017 riguardante gli adempimenti in materia di “certificato di agibilità” posti a carico delle imprese che utilizzano le prestazioni di lavoratori dello spettacolo.
L’INPS chiarisce che le imprese di cui all’art. 6 del D.Lgs 708/1947 (es. Pubblici Esercizi, Alberghi, impianti sportivi) che si avvalgono di prestazioni di lavoro autonomo o di collaborazioni rese da soggetti quali, a titolo esemplificativo ma non esaustivo, cantanti di musica leggera, presentatori, disc jokey, animatori in strutture ricettive connesse all’attività turistica ed altre figure rientranti nel settore dello spettacolo radiotelevisivo e teatrale, sono sempre obbligate a richiedere il certificato di agibilità indipendentemente dalla durata temporale della prestazione.
Tale obbligo grava sempre in capo al committente che effettivamente contrattualizza il rapporto di lavoro con gli artisti o i tecnici. Nel caso in cui il committente sia soggetto diverso dall’impresa presso cui i lavoratori prestano la propria opera, per l’impresa ospitante permane comunque l’onere di richiedere copia del certificato e custodirlo.
Ricordiamo che la richiesta del certificato di agibilità va inoltrata all’INPS entro 5 giorni dalla stipulazione del contratto di lavoro e, comunque, sempre prima dello svolgimento della prestazione lavorativa. Inoltre, viene rilasciato esclusivamente dopo l’accertamento della regolarità contributiva (DURC) nei confronti della Gestione dei lavoratori dello spettacolo (ex Empals).
Particolare attenzione va posta alla sanzione prevista a carico del soggetto ospitante.
In caso di mancato rispetto degli obblighi sopra evidenziati è prevista la sanzione amministrativa di € 129 per ogni giornata di lavoro prestata da ciascun lavoratore.

Informazioni e consulenza
Per informazioni e consulenza potrete rivolgerVi al Vostro Consulente del Lavoro o al Vostro ufficio paghe Ascom di riferimento.
Rimangono comunque a disposizione anche gli uffici sindacali Unascom (rif. Dr. Diego Morao – tel. 0422.592329)