Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi
Home » ATTIVITA' » MOGLIANO VENETO: 2016, PIU’ VITA E PIU’ COMMERCIO

MOGLIANO VENETO: 2016, PIU’ VITA E PIU’ COMMERCIO

MASSIMO CESTARO: LA COLLABORAZIONE COL COMUNE, LA VERA ARMA ANTI-CRISI

Con l’inaugurazione della pista di ghiaccio si conclude un anno difficile per le imprese del commercio e del terziario, ma che conferma in compenso la collaborazione positiva tra Ascom, Comune ed imprese.
Una pista di ghiaccio in piazza dei Caduti, luminarie ed addobbi sia tra le vie del centro che nelle frazioni confermano una positiva e proficua collaborazione tra Ascom e Comune, con richieste dei privati accolte e disponibilità del Pubblico.
“La pista di ghiaccio, che viene affidata per la gestione alla Pro Loco e che consentirà di raccogliere fondi per le popolazioni terremotate”- afferma il presidente di Ascom-Confcommercio Mogliano Massimo Cestaro- “è un segno, concreto, tangibile, positivo, messo a disposizione dall’Amministrazione, in grado di richiamare famiglie e cittadini in centro, che va non solo a caratterizzare il Natale 2016, ma anche a concludere un anno in cui la collaborazione con il Comune ed altri soggetti si è rivelata la vera arma anti-crisi per i commercianti, colpiti da un cambiamento profondo dei consumi che si fa sentire quotidianamente e che non accenna a diminuire.”
In tempi come questi, in cui le risorse economiche e finanziarie sono pressoché azzerate, grazie al dialogo ed alla collaborazione abbiamo comunque riportato vita in centro e rivitalizzato il commercio. Nel corso dell’anno (da marzo ad ottobre), hanno dato ottimi risultati di pubblico e prodotto grandi soddisfazione i progetti Mogliano MangiaBene, in collaborazione con ULSS 9, Slow Food, ma altrettanto sorprendente è stato il Festival delle Regioni di ottobre, che ha messo in mostra le tipicità regionali, le eccellenze gastronomiche ed artigianali, richiamando oltre 5 mila persone”.
“Riportare gente in città, creare nuovi interessi ed eventi, aprire i nostri negozi”- queste- conclude Cestaro- “sono le armi che abbiamo a disposizione per reagire alla crisi ed interpretare il cambiamento