Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi
Home » ATTIVITA' » NASCE A MONTEBELLUNA LA MOSAICO CARD, ARMA VINCENTE PER RILANCIARE IL COMMERCIO DEL CENTRO STORICO

NASCE A MONTEBELLUNA LA MOSAICO CARD, ARMA VINCENTE PER RILANCIARE IL COMMERCIO DEL CENTRO STORICO

IL CENTRO DI MONTEBELLUNA E’ UN VERO CENTRO COMMERCIALE NATURALE
Nasce a Montebelluna (TV), grazie al co-finanziamento della Regione Veneto col bando 2013 per il rilancio dei centri storici ed all’Associazione Pubblico-Privata Il Mosaico, la prima Fidelity card che promuove un marchio unico ed insostituibile, fuori dalle logiche del mercato, il centro cittadino, ovvero il centro commerciale naturale più bello ed autentico, diverso dal luccichio delle piazze artificiali.
Innovativa, comoda, utilizzabile in tutte le categorie merceologiche, conveniente, la Mosaico Card è progettata e gestita dalla società Uelcom, è la prima del Veneto ed è messa in pratica, al momento, solo a Gorizia. Regalata ai consumatori che frequentano le 24 attività commerciali e di servizio aderenti quasi tutte del centro montebellunese, la card viene caricata ad ogni acquisto con punti variabili (da 1 a 4), a seconda dalla tipologia di acquisto, con il tablet dell’esercente. Al raggiungimento dei 500 punti, il consumatore ottiene un buono sconto di 5 euro da rispendere in tutta la rete dei negozi aderenti, così da creare un circuito virtuoso che alimenta l’economia del centro commerciale naturale e rilancia i consumi di turisti e consumatori . A questo sconto si aggiunge la possibilità, per il consumatore, di aderire a promozioni riservate ai possessori consultabili sul sito www.uelcom.me ma di fare poi riferimento al commerciante di fiducia montebellunese, senza avere i costi ed i rischi del pagamento e della spedizione on line, come invece capita per altri grandi portali con promozioni e sconti, tipo groupon, che generano a volte incertezze nei consumatori meno propensi all’acquisto virtuale.
“In sostanza”- spiega il presidente de Il Mosaico Danilo Rossi– “con questa card cerchiamo di alimentare l’economia della nostra città, perché un acquisto fatto in uno qualsiasi dei negozi aderenti, genera poi, a ricaduta, altri acquisti nei negozi della rete, inducendo il consumatore ad apprezzare l’offerta cittadina piuttosto che l’offerta periferica delle grandi superfici di vendita, in un contesto urbano storico ed autentico, ben diverso da quello dei centri commerciali artificiali.”
“Le caratteristiche innovative della card”- sottolinea Carlo Taborra– vicepresidente de Il Mosaico- “ci mettono nella condizione di competere nel mercato con i grandi colossi, quasi ad armi pari, perché la card consente anche l’accesso comodo alle offerte sul web e diventa una forma di e-commerce conveniente anche per i piccoli commercianti che non possono permettersi una struttura di vendita on line, con tanto di costi di gestione e logistica correlata. E’ già in fase avanzata di preparazione la app della card per la versione smartphone. Il commercio montebellunese guarda avanti e affronta le nuove tecnologie con uno strumento di marketing urbano collaudato e molto serio”.
“L’avvio della card nel periodo che precede il Natale”- afferma il presidente di Ascom-Confcommercio Roberto De Lorenzi– “consentirà di apprezzare ancora di più il rinnovato contesto urbanistico e di valutare l’efficacia della rete del commercio del centro storico, che lavora da anni per aumentare la competitività e l’attrattività della città, rispetto alla grande distribuzione”. “Con questa card”-conferma De Lorenzi-“ il centro montebellunese consolida ben 13 anni di attività promozionale, confermando così una tenuta del parternariato che non ha pari in altri centri storici della provincia e del Veneto”.
“Ringrazio Ascom e Il Mosaico – afferma il vicesindaco di Montebelluna Elso Severin – perché fin dall’inizio la sfida per la pedonalizzazione e la riqualificazione del centro era mirata a rendere di nuovo competitivo il centro commerciale naturale di Montebelluna, come lo definisce la legge regionale, anche se io preferisco la definizione molto più calda e carica di valori storici di emporio montebellunese. Grazie ad un percorso difficile, ma sempre più condiviso, Montebelluna si può offrire a livello provinciale come luogo di un commercio di qualità e a misura umana e in questo senso decisamente preferibile agli spazi anonimi della grande distribuzione”.
La storia montebellunese è unica nel panorama dei centri storici e dei centri commerciali: iniziata nel 2002 con la nascita dell’Associazione commercianti per il centro storico ed il logo, ormai famoso “In centro tutta un’altra cosa”, ha iniziato a muovere i primi passi con eventi, musica ed animazione, fino ad arrivare al battesimo dell’attivissima Associazione pubblico-privata Il Mosaico-un Centro da Vivere, ed ai ben noti giovedì musicali estivi, al concorso a premi, ai mercatini natalizi, ai concerti, per una totalizzazione complessiva di 20 eventi significativi all’anno, che i cittadini dimostrano di gradire ed apprezzare, rinforzando identità e senso di appartenenza.
E per festeggiare il battesimo della Mosaico Card, il Natale 2015 promette grandi attrazioni: i mercatini, i concerti, la pista di ghiaccio “vero”, le promozioni nei negozi.