Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi
Home » Confcommercio Notizie » Sosta a pagamento e sanzioni ulteriori indicazioni

Sosta a pagamento e sanzioni ulteriori indicazioni

Un comunicato del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti riporta l’esito del confronto avuto con il Ministero degli Interni e con l’Associazione dei Comuni Italiani a seguito della recente risposta ad una interrogazione parlamentare sul tema

A seguito della risposta fornita dal Ministro delle Infrastrutture e Trasporti a una interrogazione parlamentare in tema di sanzioni per mancato rispetto della disciplina della sosta nelle aree a pagamento (cfr. ns. circ. n.10), si è svolta una riunione di confronto con il Ministero degli Interni e con l’Associazione dei Comuni Italiani, che aveva fortemente contestato la posizione assunta dal Ministro Lupi.

Un comunicato del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti (allegato) ha fornito indicazioni sull’esito di tale riunione, cha ha, in particolare:

  • Ribadito i pareri dei Ministeri in base ai quali la sosta sulle strisce blu oltre il tempo tariffato, non comporta l’applicazione della sanzione prevista per divieto di sosta;
  • Precisato che la regolamentazione della sosta è materia di competenza comunale, che per irrogare penali o sanzioni pecuniarie nei confronti di chi sosta oltre il termine per cui ha pagato, il Comune deve aver emanato una specifica delibera a riguardo e che in assenza di questa, non è possibile elevare multe per la richiamata fattispecie;
  • Indicato che le penalità e le sanzioni che i Comuni possono prevedere devono essere improntate a criteri di ragionevolezza rispetto alla tariffa richiesta per la sosta, evitando misure vessatorie;
  • Auspicato che il Disegno di Legge Delega di riforma del C.d.S., all’esame del Parlamento, indichi i principi generali a cui i Comuni devono attenersi e in ogni caso stabilisca il criterio che le multe non possono essere una ulteriore forma di tassazione indiretta del cittadino