Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi
Home » MONDO DEL LAVORO » Accordi sindacali territoriali » STAGIONALITA’ E PICCHI DI LAVORO: CHIARIMENTI SUI RINNOVI DEL CONTRATTO

STAGIONALITA’ E PICCHI DI LAVORO: CHIARIMENTI SUI RINNOVI DEL CONTRATTO

L’introduzione nel nostro ordinamento del D.L. 87/2018 (c.d. Decreto Dignità) ha, in particolare, comportato delle modifiche alla disciplina dei contratti a tempo determinato e delle relative proroghe e/o rinnovi generando, per le aziende, delle significative restrizioni all’utilizzo di tale strumento contrattuale.
Ricordiamo che le restrizioni (di cui al D.L. 87/2018) non si applicano alle ipotesi di stagionalità, previste sia dalla normativa nazionale che dalla disciplina contrattuale.
All’art. 66 BIS del CCNL Terziario, Distribuzione e Servizi, le parti hanno stabilito che rientrino nelle ipotesi di stagionalità nel settore commercio anche le esigenze di gestire “picchi di lavoro” da parte di aziende che non esercitano attività a carattere stagionale purché operanti in determinate località. A tale proposito il CCNL ha demandato alla contrattazione territoriale l’individuazione delle citate località che si possono considerare “a prevalente vocazione turistica”, nel cui ambito i picchi di lavoro, che devono in ogni caso essere effettivi e dimostrabili, nonché ricollegabili a flussi turistici o a particolari eventi/manifestazioni, possono rientrare nel concetto di stagionalità.
Nella provincia di Treviso, tale ultima previsione, trova ampia applicazione grazie all’accordo territoriale del 26 novembre 2018, sottoscritto da Unascom Confcommercio della provincia di Treviso e le OO.SS. provinciali di settore e di cui alla nostra circolare n. 1 del 02/01/2019.
Con un Verbale di intesa del 17 aprile 2019, Confcommercio Nazionale e le OO.SS. Filcams CGIL, Fisascat CISL e Uiltucs UIL hanno voluto salvaguardare la disciplina contrattuale del lavoro stagionale:
– confermando la validità e la piena applicabilità dell’art. 66 bis del CCNL Terziario;
– ribadendo la conformità dell’art. 66 bis ai requisiti richiesti dalla legge (D.Lgs. 81/2015) ai fini dell’applicazione della specifica disciplina prevista per il lavoro stagionale e relative deroghe in materia di contratti a termine.
Si tratta di un importante risultato ottenuto da Confcommercio, per dare opportuna copertura contrattuale alle imprese nell’utilizzo di contratti a termine per ragioni di stagionalità, confermando pertanto la validità e piena applicazione anche dell’accordo territoriale della provincia di Treviso del 26 novembre 2018.