Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi
Home » ATTIVITA' » SUMMIT TRA CONFCOMMERCIO E ARMA DEI CARABINIERI: AVVIATA UNA POSITIVA COLLABORAZIONE

SUMMIT TRA CONFCOMMERCIO E ARMA DEI CARABINIERI: AVVIATA UNA POSITIVA COLLABORAZIONE

Una delegazione di Confcommercio ha incontrato ieri il Comandante provinciale dei Carabinieri Ruggiero Capodivento

L’ennesimo assalto appena avvenuto ai danni di un negozio di ottica di Venegazzù è semplicemente una prova in più di quanto una delegazione di Confcommercio Treviso, composta dal direttore Tedesco, dal presidente Rocchi e dal segretario di Federottica, ha sottoposto ieri come “emergenza da affrontare” nel corso di un incontro svoltosi nella sede di via Cornarotta con il Comandante provinciale dei Carabinieri Ruggiero Capodivento ed alcuni suoi collaboratori.

“La questione dei furti e degli assalti commessi a raffica a danno dei negozi di ottica della nostra provincia”- ha spiegato Giorgio Rocchi, presidente di Federottica al Comandante- “è una vera emergenza che sta letteralmente esasperando la categoria. Il “format” criminale che colpisce gli ottici è sempre uguale, l’obiettivo è quello di far saltare le vetrine per rubare merce griffata da immettere nel mercato del falso. I bottini si ritrovano poi nell’Est europeo, oppure anche dagli ambulanti sulle spiagge. Solo in alcuni casi, i sistemi di antifurto più sofisticati coi fumogeni e l’attenzione dei cittadini, fanno scappare la banda, ma il danno al negozio resta. E per gli ottici sono costi, oltre che traumi. L’ 80% degli associati ha subito almeno un furto o un tentativo, siamo nel mirino.”

Ma non solo. Nel corso dell’incontro sono state presentate al Comandante dell’Arma tutte le situazioni illegali o abusive che colpiscono il commercio. Dagli agriturismi “fasulli”, che beneficiano del regime fiscale agevolato senza rispettare le regole imposte dalla legge regionale, alle sagre paesane che durano decine di giorni togliendo lavoro ai ristoranti e pubblici esercenti, ai circoli privati o alle “feste fuori regola” che fanno concorrenza a locali da ballo e discoteche, fino ai numerosi episodi legati alla microcriminalità che colpiscono ogni notte le vetrine dei negozi, sia all’interno che fuori dai centri urbani.

“Da parte del Comandante”- afferma il direttore di Confcommercio Tedesco- “abbiamo ricevuto massima attenzione, collaborazione e disponibilità. L’incontro è stato apprezzatissimo e molto utile per esporre le dinamiche dei furti ed il disagio delle categorie. L’obiettivo è quello di avviare sinergie proficue per aumentare la prevenzione sul territorio, facilitare ed agevolare  il lavoro delle forze dell’Ordine segnalando episodi sospetti e situazioni a rischio. Pur essendo diminuiti, sul fronte statistico, i furti, la percezione di insicurezza e la paura si fanno sentire non solo tra i commercianti, ma anche tra cittadini, e l’unica strada possibile è quella della collaborazione.”