Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi
Home » ATTIVITA' » VACANZE DELL’ANIMA 2015: LA MEMORIA GUIDA I RIBELLI

VACANZE DELL’ANIMA 2015: LA MEMORIA GUIDA I RIBELLI

DAL 18 AL 25 LUGLIO TORNA LA SESTA EDIZIONE DELLE VACANZE DELL’ANIMA
Nella Pedemontana del Grappa e tra i Colli asolani
La memoria non è materia da lasciare all’esclusivo appannaggio degli storici, ma strumento degli innovatori, dei ribelli che cercano nuovi percorsi. Parte da qui la riflessione sul passato come chiave per trasformare il futuro, al centro della VI edizione del Festival Vacanze dell’anima.
Tra Pedemontana del Grappa, Colli Asolani e Montello sono in programma 30 appuntamenti, dal 18 al 25 luglio – incontri e spettacoli, workshop e degustazioni, momenti di scoperta del territorio, attraverso la memoria e dentro la storia, la salute, la sostenibilità, la produzione artigianale e agricola, con proposte pensate per coinvolgere la cittadinanza e i visitatori.

Un progetto corale, costruito e realizzato da una fitta rete di attori locali pubblici e privati e grazie alla collaborazione straordinaria con Slow Food Italia e Unesco. Comuni, categorie economiche, associazioni e sostenitori privati, la Regione Veneto e Provincia di Treviso, sono coinvolti in questo percorso di confronto sullo sviluppo del territorio, che propone cultura e turismo come chiavi di valorizzazione e di internazionalizzazione. Cittadini e visitatori sono convocati a partecipare alla riflessione e a gustare il paesaggio, tra eventi e proposte di visita.

Le categorie economiche partecipano attivamente all’iniziativa anche con il coinvolgimento diretto delle loro imprese all’evento. Se Confartigianato AsoloMontebelluna è ente capofila, fra i promotori anche Confartigianato Marca Trevigiana, Ascom Treviso, Coldiretti Treviso e Campagna amica, Cna Asolo.

Sabato 18 luglio
Il programma si apre a Cavaso del Tomba con un omaggio alla memoria come motore di cambiamento, in un luogo teatro della Grande Guerra, di cui ricorre il Centenario. Il Massiccio del Grappa sarà destinazione di una visita guidata, mentre alle 20.30 il suggestivo scenario naturale di Cima Monte Tomba ospita il dialogo intenso con Roberto Vecchioni, La Memoria narrata.

Domenica 19 luglio
Il Festival si sposta ad Asolo con una giornata dedicata alla terra e alla biodiversità: in centro storico una mostra-mercato di prodotti a km0, laboratori, concerti e spettacoli. La giornata si conclude alla Fornace con il biologo Carlo Modonesi e il concerto degli Yo Yo Mundi.

Lunedì 20 luglio
A Maser, la presentazione delle Riserve di Biosfera Unesco e del percorso verso il riconoscimento del territorio, con la partecipazione straordinaria di cinque delegazioni in arrivo da diversi siti Unesco. Un incontro con il wine-maker Angiolino Maule e il curatore di Slow Wine Fabio Giavedoni.

Martedì 21 luglio
A Monfumo un’anteprima assoluta: il monologo teatrale di Alberta Toninato che ripercorre la straordinaria vicenda di Giovanni Costa, il trevigiano che cercò l’oro in Alaska e lo trovò. Apre la serata un incontro sulla Memoria Femminile con la Fondazione Badaracco.

Mercoledì 22 luglio
A Castelcucco un incontro dedicato alla Memoria del corpo con il biologo molecolare e terapeuta cranio-sacrale Paolo Casartelli, per scoprire come il nostro corpo sia portatore di segni emotivi che spesso risalgono all’epoca neonatale o prenatale. A seguire il concerto del trio Minimal Klezmer.

Giovedì 23 luglio
Ad Asolo la Golden Sails Symphony Orchestra: saranno in scena, per la rassegna Gioie Musicali, 140 giovani elementi, in arrivo da Pechino per un tour in quattro tappe nel nostro Paese.

Venerdì 24 luglio
A Cassola la presentazione del progetto Slow Food, Granai della memoria, a cui seguirà L’albero storto – una storia di trincea: Beppe Casales, Isaac De Martin e il Coro Valcavasia portano in scena le emozioni e le fragilità dei soldati al fronte durante la Grande Guerra.

Sabato 25 luglio
Il percorso si conclude a Possagno, con una cena sostenibile curata da Slow Food Veneto e dai ristoratori locali. Il menù, ispirato dallo chef Galdino Zara, che combina la qualità all’attenzione minuziosa ad evitare ogni sperpero, è un’occasione per riflettere sul grande tema dello spreco alimentare.

programma completo su www.vacanzedell’anima.it