Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi
Home » MONDO DEL LAVORO » Accordi sindacali territoriali » WELFARE: ECCO TUTTE LE OPPORTUNITA’ DI CONFCOMMERCIO

WELFARE: ECCO TUTTE LE OPPORTUNITA’ DI CONFCOMMERCIO

Opportunità legate al welfare aziendale e ai relativi strumenti

Nell’ambito del welfare aziendale le imprese possono giocare un duplice ruolo:
• in qualità di datori di lavoro, implementare piani di welfare per i propri dipendenti;
• in qualità di aziende/esercenti, intercettare le spese welfare di quei lavoratori che, grazie ai loro datori di lavoro, beneficiano di un piano welfare aziendale.
Vi proponiamo una sintesi delle iniziative che le imprese possono intraprendere sul tema del welfare.
1) WELFARE IN FAVORE DEI PROPRI DIPENDENTI
La normativa permette al datore di lavoro di erogare ai propri dipendenti (anche in formula premiante) beni e servizi welfare, abbattendo l’imponibilità contributiva e fiscale sul valore degli stessi.
Di fatto si garantisce ai dipendenti un “credito welfare” spendibile, per loro stessi o per i propri familiari, in beni e servizi riconducibili alle seguenti aree: FRINGE BENEFIT, TEMPO LIBERO, SANITÀ, ASSISTENZA PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI, PREVIDENZA COMPLEMENTARE, ISTRUZIONE, INTERESSI SUI MUTUI, TRASPORTO PUBBLICO, CULTO.
IL VERO VANTAGGIO DEL WELFARE è quello di fidelizzare i propri dipendenti, rendere maggiormente efficiente e produttiva l’azienda e, allo stesso tempo, equiparare il costo sostenuto dal datore di lavoro al valore spendibile dal dipendente, eliminando interamente il c.d. “cuneo fiscale”. Facendo un esempio, l’erogazione in denaro di una somma di 1.000€ costerebbe all’azienda circa 1.280€ e garantirebbe un netto al dipendente di circa 680€; attraverso il welfare, invece, il costo per l’azienda sarebbe di 1.000€ così come la spendibilità per il lavoratore, che rimarrebbe pari a 1.000€.
Il welfare, per essere tale, va garantito alla generalità o a categorie omogenee di dipendenti e, per essere interamente deducibile dal reddito d’impresa, va previsto in un documento (anche regolamento aziendale) vincolante per il datore di lavoro.
2) INCASSO SPESE WELFARE DI ALTRI DIPENDENTI – piattaforma TreCuori
È possibile, per gli erogatori di beni e servizi, aderire gratuitamente alla piattaforma welfare TreCuori per intercettare le spese dei lavoratori che, grazie alla loro azienda, sono beneficiari di un credito welfare.
L’incasso del welfare può avvenire anche tramite “buoni spesa” e attraverso una procedura molto semplificata: si accettano i buoni dal cliente/lavoratore, si registrano i buoni sul portale TreCuori, successivamente TreCuori bonifica, con cadenza settimanale, il valore dei buoni caricati dall’esercente.
Si tratta di un’opportunità a costo zero per attrarre nuovi clienti e nuove occasioni di spesa. L’adesione dà, inoltre, all’impresa la visibilità in piattaforma come erogatore che accetta pagamenti welfare.
3) MARKETING SOCIALE – piattaforma TreCuori
TreCuori, oltre a fungere da piattaforma per la gestione del welfare aziendale, ha avviato anche un progetto di Marketing Sociale, che consiste nella possibilità per gli imprenditori di attuare delle azioni di marketing a costo variabile e che scaturisce solamente a vendita effettuata.
L’esercente stabilisce una soglia di spesa per i clienti TreCuori (qualsiasi soggetto che si dichiari aderente al progetto), al raggiungimento della quale è disponibile ad erogare un contributo (sempre determinato dall’esercente in multipli di 0,50€) al mondo sociale/no profit.
Il progetto è finalizzato a far crescere il territorio, attraverso la creazione di un circolo virtuoso, nel quale ognuno (cittadini, imprese e associazioni no profit), perseguendo il proprio interesse (rispettivamente sostenere le associazioni di cui si servono, incrementare le vendite, finanziarsi tramite contributi leciti), permette anche agli altri soggetti di raggiungere i loro obiettivi. Per l’esercente può essere inoltre un’iniziativa di responsabilità sociale d’impresa.
4) POLIZZA SANITARIA INTEGRATIVA IMPRENDITORI – Convezione Confcommercio-Cassa RBM
Confcommercio Veneto ha stipulato, in favore degli imprenditori associati (legale rappresentante e soci) una convenzione con RBM Salute, che permette agli stessi di stipulare delle polizze di assistenza sanitaria integrativa per loro stessi e per i loro familiari a prezzi molto vantaggiosi.
Per maggiori dettagli si rimanda al sito dedicato:
http://www.confcommercioveneto.saninsieme.it/index.php